CONSIGLIO COMUNALE - VIDEOCRONACHE MARZO 2011

 

Seduta del 7 marzo 2011

Si torna in consiglio dopo vacenze natalizie durate per mesi, dato che all'inizio dell'anno si sono registrete, all'interno della maggioranza, forti tensioni con gli esponenti della lista civica "Uniti per Rozzano", sdegnosamente rifugiatisi in Aventino. Sicché, la seduta è iniziata con notevole ritardo perché i consiglieri di opposizione, pazienti e anche un po' divertiti dallo spettacolo, hanno atteso che la maggioranza un po' in affanno assicurasse il numero legale con i propri consiglieri.

Allego i link ai miei interventi nella seduta, con alcune brevi premesse. Portate pazienza, sia per la qualità non eccelsa dei video (girati con la webcam del netbook che mi sono procurato per supplire all'angustia del banco disponibile in consiglio comunale) e soprattutto per la scarsa avvenenza dell'attore! In primis, abbiamo apprezzato il comportamento dell'assessore Miriam Pasqui, orientato al dialogo e alla partecipazione:

http://www.youtube.com/watch?v=zs22EiaKNGk

e abbiamo conseguentemente dichiarato il nostro voto favorevole alla sua proposta di deliberazione in merito ai requisiti per l'accreditamento per l'offerta di servizi all'infanzia:

http://www.youtube.com/watch?v=ULKI62s3Ak8

Molte perplessità, invece, abbiamo esternato in merito al piano delle alienazioni immobiliari, sul quale non abbiamo partecipato al voto:

http://www.youtube.com/watch?v=dM6Gn8DSc0E

L'ultimo dei pochissimi punti trattati (si è cominciato, come ho detto, con un notevole ritardo dovuto alle assenze nei banchi della maggioranza) è stato quello relativo alla modifica del progetto del capolinea del tram 15 in via Guido Rossa. A.T.M., infatti, temeva che il progetto originario provocasse un eccessivo impatto acustico, quindi non potevamo che essere d'accordo sulla modifica, a beneficio della tranquillità dei cittadini residenti nelle vicinanze del nuovo capolinea; ma, in ogni caso, si profila di un'ulteriore attesa di 17/24 mesi, per un'opera che - se non erro - avrebbe dovuto concludersi nel 2007.

watch?v=yAygocNzqW4&feature=player_detailpage

Sedute del 28 e del 29 marzo 2011

Il 28 e il 29 marzo il Consiglio è stato invitato ad esaminare e a deliberare il bilancio di previsione del comune di Rozzano per l'esercizio finanziario 2011.

Sul piano politico, si è registrato il rientro in Consiglio dei due consiglieri della lista Civica "Uniti per Rozzano". E' lecito sospettare che la loro scelta "aventiniana" abbia contribuito a determinare l'anomalo prolungamento delle vacanze natalizie del Condiglio Comunale, nonostante vi fosse una quantità notevole di punti da discutere.

La seduta del 28 marzo è iniziata in presenza della protesta dei dipendenti comunali, che rivendicano la corresponsione di compensi accessori, finiti sotto la tagliola del "decreto Tremonti" a causa di ritardi nella loro liquidazione. Ne abbiamo parlato in apertura del nostro intervento sulla Tassa di Igiene ambientale (T.I.A.):

Intervento sulla T.I.A.

punto sul quale abbiamo comunque ritenuto di poter dichiarare l'astensione del gruppo "Aria Pulita - Rozzano Cinque Stelle"

dichiarazione di voto TIA

Nella discussione sul bilancio abbiamo svolto un ampio intervento, di cui per ragioni tecniche possiamo pubblicare solo la parte iniziale:

incipit intervento bilancio 2011

Al termine della discussione, si sono registrate alcune repliche degli assessori: Apuzzo si è dissociato dall'operato della dirigenza nella gestione delle relazioni sindacali; Giuliano si è rivolto al centro destra con accenti critici, poiché a suo giudizio non si potevano difendere al tempo stesso le istanze dei lavoratori e l'operato del governo di centrodestra in materia di relazioni sindacali e di trattamento dei dipendenti pubblici (i proverbiali "fannulloni" di Brunetta).

Su un successivo intervento di replica dell'assessore Mallamaci si è polemicamente inserito il consigliere Moro, che ha rivendicato al riaprertura della discussione; a questo punto, si è registrato l'intervento di Massim0 D'Avolio, che, dopo aver duramente criticato il consigliere Mario Capriglione (con sfoggio di pesante ironia), ha puntato l'indice accusatore sulle opposizioni che fanno riferimento a orientamenti politici di sinistra o di centro-sinistra, perché colpevoli, a suo giudizio, di aver criticato l'operato dell'Amministrazione Comunale di Rozzano senza stigmatizzare le scelte del governo nazionale di centro-destra, che hanno pesantemente penalizzato gli Enti Locali.

In sede di dichiarazione di voto (non vi abbiamo partecipato, come concordato con tutte le forze di opposizione), abbiamo replicato ricordando puntualmente al Sindaco (probabilmente distratto) i contenuti dei nostri interventi nella discussione sul bilancio, denunciando anche che le decisioni sono, di fatto, assunte al di fuori del Consiglio. Abbiamo preso spunto, per iniziare, dalla contestazione, mossa da D'Avolio, "al preside che dà i voti ai consiglieri di maggioranza":

replica a D'Avolio

Dopo l'approvazione del bilancio e il ritiro di un punto all'ordine del giorno da parte dell'Amministrazione, i consiglieri di maggioranza si sono dileguati, benché restasse da discutere buona parte dell'ordine del giorno. Las Città, come sempre, può attendere.

Arrivederci alla prossima puntata!